Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Erri De Luca: La natura esposta

Data:

07/05/2019


Erri De Luca: La natura esposta

Lettura e incontro con l’Autore. Moderazione: Annette Kopetzki. In lingua italiana e tedesca, con traduzione consecutiva. Lettura brani tedeschi: Reinhold Joppich

Il narratore, che vive in un piccolo borgo di montagna facendo lo scultore, il restauratore e la guida alpina, un giorno accetta un incarico inconsueto: Deve “svestire” una statua di Gesù di grandezza umana, poiché al figlio di Dio scolpito in marmo era stato a posteriori aggiunto un grembiule, mentre ora lo stesso dovrebbe riapparire in tutta la sua nudità. Il narratore, non molto credente, è perplesso – si rivolge al vescovo, parla con un rabbino e con un operaio musulmano cercando risposte alla domanda sui limiti della vita e dell’arte nella religione. In modo straordinario e con grande maestria linguistica, Erri De Luca descrive come allo scultore si dischiuda in modo sempre più profondo l’esperienza della fede.
Erri De Luca, nato nel 1950 a Napoli, si è trasferito a Roma all’età di 19 anni dove ha lavorato come muratore, camionista e magazziniere. Da autodidatta ha studiato l’ebraico antico per poter tradurre la bibbia. Soltanto a 40 anni ha iniziato a scrivere, pubblicando poi più di 30 romanzi, saggi e traduzioni. È uno degli scrittori italiani più letti e i suoi libri sono stati tradotti in numerose lingue. È stato insignito del Premio Petrarca (2010) e del Prix Européen de Littérature (2013).
(“Den Himmel finden”, List-Verlag 2018 tradotto da Annette Kopetzki. Originale: “La natura esposta, Feltrinelli 2016).
In collaborazione con la casa editrice Ullstein-Verlag.


Luogo: Istituto Italiano di Cultura. Ingresso gratuito. Vi preghiamo di voler comunicare la vostra partecipazione al tel. (0221) 9405610 o eMail iiccolonia@esteri.it

Informazioni

Data: Mar 7 Mag 2019

Orario: Alle 19:00

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura

1972