Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

La tentazione di Siracusa | IIC Colonia

italia. tra storia e cultura(2)

L’Istituto Italiano di Cultura di Colonia, in collaborazione con l’Associazione degli Amici dell’IIC di Colonia, presenta la conferenza di Joachim Sartorius,La tentazione di Siracusa che si terrà il 24 aprile alle ore 19:00.

2500 anni fa, Siracusa, in Sicilia, era per i greci la New York del Mediterraneo: Eschilo vi rappresentò le prime opere, Platone vi si recò tre volte da Atene, il tiranno Dionisio comprò all’asta la lira di Euripide e la ninfa struggente Aretusa si nascose nel papireto. Joachim Sartorius ha potuto verificare come tutto questo sia valido ancor oggi quando ha deciso di fare di Siracusa la sua seconda casa. Al suo fianco, vaghiamo con ninfe e ciclopi per Ortigia, l’antica città sull’isola, e incontriamo baroni, poliziotti, artisti e barbieri di oggi. Sartorius dispiega davanti ai nostri occhi la profondità della storia siciliana, la giustapposizione e la sovrapposizione di culture, stili e stili di vita e combina dettagli del mondo moderno e antico, barocco e contemporaneo per creare un paesaggio urbano impressionistico di grande luminosità.

Joachim Sartorius, nato a Fürth nel 1946, è cresciuto a Tunisi e oggi vive a Berlino e a Siracusa. È stato direttore del Berliner Festspiele (dal 2000 al 2011). Ha pubblicato otto volumi di poesie e racconti di viaggio “Die Prinzeninseln” (2009) e “Mein Zypern” (2013) con mare-Verlag e, più recentemente, il ritratto di città “Die Versuchung von Syrakus” (2023). È curatore delle edizioni di opere di Malcolm Lowry e William Carlos Williams e di diverse antologie, tra cui “Atlas der neuen Poesie” (1995), “Alexandria Fata Morgana” (2001), “Für die mit der Sehnsucht nach dem Meer” (2008) e “Niemals eine Atempause. Handbuch der politischen Poesie im 20.Jahrhundert“ (2014). Nel 2019 ha ricevuto il premio August von Platen per le sue opere complete. È membro dell’Accademia tedesca per la lingua e la poesia.